MEDITAZIONE - fantasiarte

Vai ai contenuti

Menu principale:

MEDITAZIONE

 
 
Primo ciclo - Soundhealing
11-18 Ottobre / 8-15-29 Novembre
Secondo ciclo - Presenza
6-13 Dicembre / 10-17-24 Gennaio
Terzo ciclo: Meditazioni attive di Osho
31 Gennaio / 7-14-21-28 Febbraio
Quarto ciclo: Meditazione ed autoesplorazione (inquiry)
14-21-28 Marzo / 4-11 Aprile

 
 
CHE COS'è LA MEDITAZIONE?
 La meditazione è uno stato dell'Essere: una condizione di mente vuota, aperta, ricettiva, spaziosa, è un momento più o meno lungo dove la mente è totalmente attiva, sveglia qui ed ora. Meditare equivale a cercare il momento presente.
 La frase corretta sarebbe: NON SI FA MEDITAZIONE, SI È IN MEDITAZIONE.
 Possiamo entrare in stati meditativi attraverso tecniche di meditazione ma anche attraverso una qualsiasi azione creativa come suonare, disegnare, ballare... o lavare i piatti!!
 In queste serate useremo diverse tecniche per aiutarci a entrare in questo stato:  tecniche di visualizzazione, percettive, sonore, energetiche, comunicative di autoesplorazione, vocali, sonore e molto altro.
 “Il tuo centro è l’obiettivo, la meditazione la tua strada.
 Un sentiero che non conduce ad alcun dove, senza inizio e senza fine, sul quale non c’è nessuno che sia in cammino. La meditazione è la via per il non-sense, è la contraddizione per eccellenza, una trappola per la mente, la fine dell’ego, la vera liberazione dalla sofferenza.
 La meditazione è uno stato naturale dell'essere, uno stato che abbiamo perduto, e ritrovarlo è la gioia più grande della vita".
 
 
Osho


PRIMO CICLO - SOUNDHEALING
 
Voce e suono sono strumenti potentissimi per la nostra trasformazione, nel primo ciclo di meditazioni andremo a praticare "soundhealing”, esercizi di pulizia energetica attraverso i suoni di vari strumenti e della nostra voce, usando semplicemente delle vocali, dei mantra, bija mantra collegati ad intenti e visualizzazioni che ci aiuteranno a dare più forza e valore alla pratica.
"La mia anima è una misteriosa orchestra; non so quali strumenti suoni e strida dentro di me: corde, arpe, timpani e tamburi. Mi conosco come una sinfonia."
 
 
Ferando Pessoa

 
SECONDO CICLO - PRESENZA

Perchè essere presente è fondamentale?
 
Essere presente ci aiuta a non farci travolgere da pensieri ed emozioni che spesso cercano di dominarci, la presenza ci aiuta a stare in quello che c'è nel momento, a guardarci, sentirci, ascoltarci senza giudizio e senza voler cambiare, senza voler essere qualcuno o qualcosa di diverso, ci serve a non reagire impulsivamente, presenza è valutare e decidere come agire in base a quello che vogliamo davvero.
 Cosa significa “avere i piedi per terra” ?
 vuol dire riscoprire questa nostra possibilità e qualità che ci può servire per restare stabili nei momenti burrascosi della vita e per godere dello stato di armonia quando già ci sentiamo bene.
 “La maggior parte delle persone passa tutta la vita imprigionata nei confini dei propri pensieri. Non vanno mai oltre lo stretto, mentale, senso personalizzato del sé, condizionato dal passato.
 In voi, come in ogni altro essere umano, vi è una dimensione di coscienza molto più profonda del pensiero. È la vera essenza di chi siete voi. Potremmo chiamarla "presenza", consapevolezza, coscienza incondizionata.
 Trovare quella dimensione libera voi e il mondo dalla sofferenza che infliggete a voi stessi e agli altri quando ciò che conoscete è solo il piccolo me costruito dalla mente. Amore, gioia, espansione creativa, pace interiore possono entrare nella vostra vita solamente grazie a quella dimensione incondizionata di coscienza.”
 
 
Eckhart Tolle

TERZO CICLO - OSHO MEDITAZIONI ATTIVE
 
 
Arrivati a questo punto, dopo una bella pulizia e un pò di confidenza con la pratica della presenza iniziamo ad immergerci nel mondo delle meditazioni attive di Osho, meditazione ormai famose in tutto il mondo, pratiche create per l'uomo moderno che vive nella societá frenetica e veloce…cioè noi :)
 
 
"I metodi tradizionali hanno attrattiva perché sono così antichi e così tante persone sono arrivate con essi nel passato. Forse per noi sono diventati irrilevanti, ma non erano così irrilevanti per Buddha, Mahavira, Patanjali o Krishna, erano pieni di significato e aiutavano. Adesso forse sono privi di significato, ma poiché il Buddha è arrivato attraverso essi, continuano ad avere fascino. I tradizionalisti sentono: “Se Buddha ha raggiunto attraverso queste metodologie, perché io non posso?”
 
Ma adesso siamo in una situazione interamente diversa, tutta l’atmosfera, tutta la sfera di pensiero è cambiata, ogni metodo è organico per una situazione particolare, per una mente particolare, per un uomo particolare. Il fatto che i vecchi metodi non funzionano indica che nessun metodo è utile, significa che i metodi stessi devono cambiare. Per come vedo la situazione, l’uomo moderno è cambiato così tanto da aver bisogno di nuovi metodi e tecniche nuove."
 
Osho

 
QUARTO CICLO - MEDITAZIONE E AUTOESPLORAZIONE (INQUIRY)
 
L'ultimo ciclo è quello piú trasformativo, quello che amo di più, che mi ha permesso di rivedermi tante cose e che ora é diventata una tecnica per liberarmi velocemente dalla spazzatura mentale. Qui serve ritrovare il nostro guerriero interiore, iniziamo un lavoro su noi stessi che va più in profonditá, possiamo vedere cose scomode ed esploreremo varie tematiche con domande tipo:
 
Come blocco la forza vitale? In quali situazioni? Che rapporto ho con la mia rabbia?
 
In che situazioni mi faccio piccolo/a e non mi sento all'altezza?
 
Che rapporto ho con il desiderio ed il desiderare?
 
Queste alcune delle possibili domande da esplorare.
 
Nella mia esperienza se si vuole ritrovare la propria energia vitale, amore e valore c'è bisogno di un "lavoro su di sé", serve intenzione a cambiare, un pò di determinazione e un ambiente di sostengo.
 
"Una cosa deve essere chiara fin dall'inizio:inquiry non è semplicemente analisi e non è ristretta al campo della deduzione logica. Al contrario, una inquiry che sia realmente efficace ci porterá continuamente a contatto con lo sconosciuto, sfidando le nostre convinzioni e tutto ciò che pensiamo di sapere. Inquiry è il movimento dinamico che, se fatto con passione e amore, ci porterà fuori dalla nostra "zona confortevole" aprendo territori molto aldilá delle nostre aspettative aprendoci a comprensioni profonde e immediate che non sarebbero possibili usando la logica lineare."
 
Avikal Costantino


Raffaello Cavaggioni
3496741909
raffaellocavaggioni@gmail.com
 
Torna ai contenuti | Torna al menu